Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Lorenzo Viale



PRESENTAZIONE

La foto ritrae Lorenzo Viale in divisa. L’archivio Insmli ne conserva una copia digitale nel Fondo Raccolta Franzinelli/Ultime lettere di condannati a morte e deportati della Resistenza 1943-1945. Di anni 27. Nato il 25 dicembre 1917 a Torino ed ivi residente. Di professione ingegnere, è assunto presso la FIAT a Torino. Arruolato nel Regio esercito italiano con il grado di sottotenente di artiglieria, dopo l’8 settembre si dà alla macchia. Collegatosi coi partigiani, dal gennaio del 1944 fa parte della brigata Diavolo Rosso, in qualità di addetto militare. Passato all’8ª divisione Val Orco verso la fine di giugno, l’8 dicembre si reca a Torino nel tentativo di salvare alcuni compagni catturati dai nazifascisti. Tradito da una delazione, una volta giunto in città viene a sua volta arrestato dalle Brigate Nere. Dopo due mesi di carcerazione, l’8 febbraio 1945 viene processato e condannato a morte dal Tribunale Co.Gu. (contro guerriglia). La sentenza è eseguita l’11 febbraio al poligono di tiro del Martinetto, ad opera di un plotone composto da militi della G.N.R. (Guardia nazionale repubblicana). Assieme a Viale vengono fucilati anche Giovanni Canepa, Rubens Fattorelli, Alfonso Gindro e Nello Meneghini.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 27 anni
Genere Maschio
Data di nascita 25/12/1917
Luogo di nascita Torino
Residenza Torino

Data di morte: 11/2/1945
Luogo di morte: Poligono di tiro del Martinetto . C'è memoria epigrafica
Comune di morte: Torino
Regione di morte:Piemonte

Titolo di studioLaurea. Laurea in Ingegneria civile
Categoria professionaleCulto, professioni e arti liberali
Professione Ingegnere Ingegnere alla FIAT di Torino.
Appartenenza alle Forze armateEsercito
Arma Artiglieria
GradoSottotenente

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: 15/1/1944 - 30/6/1944
Tipo di reparto: Brigata
Nome del reparto: Brigata Diavolo Rosso
Grado conseguito: Addetto militare
Seconda formazione nella Resistenza: 30/6/1944 - 11/2/1945
Tipo di reparto: Divisione
Nome del reparto: Divisione Val Orco 8ª
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale Co.Gu. (contro guerriglia) di Torino - Sentenza emessa in data 8/2/1945.
Esecuzione:Fascista
Circostanza della morte: Strage
Descrizione della circostanza della morte: Abbandona la montagna il giorno 8 dicembre 1944, per recarsi a Torino nel tentativo di salvare alcuni compagni. In città è arrestato dalle Brigate Nere, informate da un delatore. Dopo due mesi (8 febbraio 1945) è processato dal Tribunale Co.Gu. e condannato a morte. La sentenza viene eseguita il giorno 11, al poligono del Martinetto.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione L’11 febbraio 1945 Giovanni Canepa, Rubens Fattorelli, Alfonso Gindro, Nello Meneghini e Lorenzo Viale, tutti appartenenti alla medesima formazione GAP, vengono fucilati al poligono di tiro del Martinetto (Torino), da un plotone della GNR.
Collegamenti:Strage di Poligono di tiro del Martinetto, comune di Torino. 11/2/1945
Visualizzazione ingrandita della mappa
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere: Alfonso Gindro |

BIBLIOGRAFIA

  • Lorenzo Viale caduto per la liberta: 25-12-1917 - 11-2-1945, Torino, Punto Familia, dopo 1976
  • Bianca Ceva 5 anni di storia italiana 1940-1945, Milano, Edizioni di Comunità, 1964, p. 237
  • Secondo Ercole Testimonianze di Padre Ruggero. Carcere e Resistenza, Torino, Cimitato "Nessun uomo è un'isola", 2005, pp. 35, 36, 37 e 38
  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, pp. 329-331
  • Padre Ruggero [Cipolla] I miei condannati a morte, Torino, Il Punto, 1998
  • COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

    » Leggi
    Lettera a i suoi cari, scritta in data 11-02-1945
    Località di stesura: Torino
    Stato del documento: copia


    Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

    La lettera è conservata presso:
    Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

    Indirizzo web:
    http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

    Collocazione archivistica:
    Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 7 fasc. 13

    Collocazione bibliografica:
    Padre Ruggero [Cipolla], I miei condannati a morte (Torino, Il Punto, 1998), pp. 92-93


    » Leggi
    Lettera a Viky, scritta in data 11-02-1945
    Località di stesura: Torino
    Stato del documento: copia



    Collocazione bibliografica:
    Padre Ruggero [Cipolla], I miei condannati a morte (Torino, Il Punto, 1998), pp. 90-91

    Note al documento:
    Nell'ultima edizione del volume curato da Piero Malvezzi e Giovanni Pirelli "Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana" (ristampata da Einaudi editore nel 2003) il testo trascritto (a pag. 330) differisce da quello pubblicato sul libro di Padre Ruggero per l'omissione del paragrafo "Bambina mia, credi che per me è un vero strazio dover abbandonare d’un tratto tutti i bei sogni fatti insieme, sogni di pace e di amore."

    » Leggi
    Lettera a i suoi cari, scritta in data 09-02-1945
    Località di stesura: Torino
    Stato del documento: copia


    Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

    La lettera è conservata presso:
    Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

    Indirizzo web:
    http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

    Collocazione archivistica:
    Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 7 fasc. 13

    Collocazione bibliografica:
    Padre Ruggero [Cipolla], I miei condannati a morte (Torino, Il Punto, 1998), pp. 94-95


    INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI