Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Massimiliano Forte



PRESENTAZIONE

La foto ritrae Massimiliano Forte. Di anni 19. Nato il 4 maggio 1925 a Casacco, in provincia di Udine. Studente iscritto all’Istituto di ragioneria Ruffini di Genova, nel luglio del 1944 è arruolato nell’esercito e posto agli ordini del Comando della Marina tedesca nel Lido di Venezia. Sospettato di sabotaggio, non viene incriminato per mancanza di prove, ma è comunque costretto ad assistere all’esecuzione dei tre commilitoni di cui è accertata la responsabilità. Trasferito a Rimini, sempre alle dipendenze del Comando germanico, fugge assieme a due compagni, che però lo abbandonano. Rimasto solo, Forte tenta di collegarsi alle formazioni "Osoppo" del Friuli, ma prima che possa raggiungerle viene catturato dalle SS, a Sacile (in provincia di Udine). Incarcerato in un primo momento a Padova, in seguito è trasferito al penitenziario veneziano di Santa Maria Maggiore. Il 23 settembre 1944 il Tribunale del Comando della Marina tedesca lo processa, condannandolo a morte. La sentenza viene eseguita oltre un mese dopo: la mattina del 25 ottobre infatti, Massimiliano Forte è prelevato dalla cella e condotto in un fortino del Lido di Venezia, dove viene fucilato.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 19 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 4/5/1925
Luogo di nascita Casacco
Provincia di nascita Udine

Data di morte: 25/10/1944
Luogo di morte: Fortino del Lido di Venezia
Comune di morte: Venezia
Regione di morte:Veneto

Titolo di studioLicenza media inferiore. Iscritto all'Istituto di ragioneria Ruffini di Genova
Categoria professionaleCondizioni non professionali
Professione Studente
Arruolato nella Repubblica Sociale Italiana.
Periodoluglio 1944 - settembre 1944
Reparto RSIComando della Marina Tedesca (posto assegnatogli dall'esercito della RSI)

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Condizione al momento della morte: Civile
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale del Comando della Marina tedesca di Venezia - Sentenza emessa in data 23/9/1944.
Esecuzione:Nazista
Descrizione della circostanza della morte: Assegnato alla Marina tedesca (nella zona di Rimini), Massimiliano Forte diserta e tenta di raggiungere le formazioni partigiane. Lasciato solo dai compagni di fuga, viene catturato dalle SS a Sacile (Udine). Imprigionato prima a Padova, poi a Venezia (carceri di Santa Maria Maggiore), viene condannato a morte il 23 settembre 1944. La sentenza è eseguita un mese dopo, il 25 ottobre.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Alle ore 7 del 25 ottobre 1944 Massimiliano Forte è prelevato dalla sua prigione e condotto in un fortino del lido di Venezia, dove viene fucilato.

BIBLIOGRAFIA

  • Massimiliano Forte in "Il Giornale delle Venezie", Venezia, 25 ottobre 1945
  • Le radici e le ali: 1943/45-1993/95: memoria e storia nelle celebrazioni del cinquantennale della Resistenza e della Guerra di liberazione, Roma, 1996, p. 234
  • Umberto Dinelli Rosso sulla laguna. La guerra partigiana in Venezia e provincia, Udine, Del Bianco, 1970, pp. 129-130
  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, pp. 119-120

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a Padre,
Località di stesura: Venezia
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: foto da originale

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 8 fasc. 15


INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI