Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Francesco Pretto (Pippo)



PRESENTAZIONE

Nessuna foto per ora disponibile Di anni 21. Nato il 24 febbraio 1923. a Pedescala (VI) ed ivi residente. Di professione operaio edile. Dopo l’armistizio si collega con il movimento partigiano dell’altopiano di Asiago (VI) ed entra a far parte della Brigata Garibaldi Pino, inquadrata nella Divisione Ateo Caremi. Il 26 maggio 1944 viene arrestato dalle Brigate Nere mentre si trova nei pressi del suo paese natale. Trasportato ad Asiago per essere interrogato, tra il 27 ed il 28 maggio viene processato dal Tribunale del Battaglione "M". Condannato a morte, il 31 maggio successivo Francesco Pretto viene condotto al cimitero cittadino e fucilato contro il muro di cinta dello stesso.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 21 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 24/2/1923
Luogo di nascita Pedescala
Provincia di nascita Vicenza
Residenza Pedescala

Data di morte: 31/5/1944
Luogo di morte: Cimitero di Asiago
Comune di morte: Asiago
Provincia di morte: Vicenza
Regione di morte:Veneto

Categoria professionaleOperai
Professione Operaio Operaio edile.

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Pippo
Tipologia del condannato:Partigiano
Tipo di reparto: Brigata
Nome del reparto: Brigata Garibaldi Pino, Div. Ateo Caremi
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale di Comando di Battaglione M - Sentenza emessa in data 28/5/1944.
Esecuzione:Fascista
Descrizione della circostanza della morte: Il 26 maggio 1944, Francesco Pretto viene arrestato dalle Brigate Nere nella zona del suo paese natale. Trasportato ad Asiago ed interrogato, è poi processato tra il 27 ed il 28 maggio, dal Tribunale del Battaglione M. Condannato a morte, verrà fucilato il 31 maggio al cimitero cittadino.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Condannato a morte il 28 maggio 1944, Francesco Pretto viene prelevato dalla cella il 31 e condotto al cimitero di Asiago. Qui, contro il muro di cinta, è fucilato da un plotone formato da elementi del Battaglione M.

BIBLIOGRAFIA

  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, p. 266

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a Madre,
Località di stesura: Asiago
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 7 fasc. 13


INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI