Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Bruno Frittaion (Attilio)



PRESENTAZIONE

Nessuna foto per ora disponibile Di anni 19. Nato il 13 ottobre 1925 a San Daniele del Friuli (Udine) ed ivi residente. Studente iscritto al 3º corso della scuola di avviamento professionale, già nel 1939 entra in contatto con l’organizzazione clandestina comunista, formando le prime cellule del partito nel suo paese natale. Dopo l’armistizio non esita ad unirsi al Battaglione Pisacane, appartenente alla Brigata Garibaldi Tagliamento. Distintosi in numerose azioni, è nominato vice-commissario politico di un distaccamento inquadrato in un’altra formazione: il Battaglione Silvio Pellico. Tradito da una delazione, il 15 dicembre 1944 Bruno Frittaion viene sorpreso dalle SS italiane mentre si trova a casa di uno zio (a San Daniele) assieme al compagno Adriano Carlon. I due sono immediatamente arrestati e tradotti nelle carceri di Udine, dove subiscono interrogatori e torture fino al giorno del processo, che ha luogo il 22 gennaio 1945. Condannati a morte dal Tribunale militare territoriale tedesco, Carlon e Frittaion rimangono in cella fino al 1º febbraio, quando vengono prelevati e condotti a Tarcento (UD). Qui sono allineati contro il muro di cinta del cimitero e fucilati assieme ad Angelo Lipponi, Cesare Longo, Elio Marcuz, Giannino Putto, Calogero Zaffuto e Pietro Zanier. Francesco Puleo invece sopravvive alla raffica e riesce a fuggire con l’aiuto degli abitanti del paese. Mario Favot e Ivo Lovisa infine vengono risparmiati, solo per essere fucilati tre giorni dopo a Tricesimo (UD).

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 19 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 13/10/1925
Luogo di nascita San Daniele del Friuli
Provincia di nascita Udine
Residenza San Daniele del Friuli

Data di morte: 1/2/1945
Luogo di morte: Cimitero di Tarcento
Comune di morte: Tarcento
Provincia di morte: Udine
Regione di morte:Friuli Venezia Giulia

Categoria professionaleCondizioni non professionali
Professione Studente

Appartenenza politicaComunista

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Attilio
Tipologia del condannato:Partigiano
Tipo di reparto: Battaglione
Nome del reparto: Battaglione Pisacane, Brigata Tagliamento
Tipo di reparto: Battaglione
Nome del reparto: Battaglione Silvio Pellico
Grado conseguito: Vice-commissario di distaccamento
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale militare territoriale tedesco di Udine - Sentenza emessa in data 22/1/1945.
Esecuzione:Nazista
Circostanza della morte: Strage
Descrizione della circostanza della morte: Bruno Frittaion viene catturato il 15 dicembre 1944 dalle SS italiane ed imprigionato nelle Carceri di Udine con il compagno Adriano Carlon. A lungo torturato, il 22 gennaio viene processato dal Tribunale militare tedesco e condannato a morte. La sentenza è eseguita il 1° febbraio contro il muro di cinta del cimitero di Tarcento. Con Frittaion muoiono altri 7 partigiani, tra cui lo stesso Carlon.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Il 1° febbraio 1945 undici partigiani condannati a morte vengono condotti a Tarcento ed allineati contro il muro di cinta del locale cimitero. Adriano Carlon, Bruno Frittaion, Angelo Lipponi, Cesare Longo, Elio Marcuz, Giannino Putto, Calogero Zaffuto e Pietro Zanier sono fucilati immediatamente. Francesco Puleo sopravvive alla raffica e riesce a darsi alla fuga, agevolato dagli abitanti del paese. Mario Favot e Ivo Lovisa invece vengono momentaneamente risparmiati, solo per essere giustiziati a Tricesimo (UD) tre giorni dopo.
Collegamenti:Strage di Cimitero di Tarcento, comune di Tarcento (Udine). 1/2/1945
Visualizzazione ingrandita della mappa
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere: Adriano Carlon |

BIBLIOGRAFIA

  • I compagni mi vendicheranno: lettere scelte di condannati a morte della Resistenza italiana, Napoli, Laboratorio politico, stampa 1995
  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, pp. 122-123

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a i suoi cari, scritta in data 31-01-1945
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 6 fasc. 12

Note al documento:
Nella trascrizione sono frequenti le correzioni a mano, in penna nera. In alto a sinistra è scritto il nome del partigiano caduto, autore della lettera.

» Leggi
Lettera a Edda, scritta in data 31-01-1945
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 6 fasc. 12

Note al documento:
Nel testo vi sono alcune correzioni a mano, in penna nera.

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI