Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Wolfang Prigione Beccaria (Tenente Wolf)

  • L'archivio contiene 1 lettera di Wolfang Prigione Beccaria


PRESENTAZIONE

La foto ritrae Wolfang Prigione Beccaria. Di anni 22. Nato il 6 maggio 1921 a Genova. Cresciuto a Savona, si diploma capitano marittimo all’Istituto nautico Leon Pancaldo. Trasferitosi a Mondovì (CN) con la famiglia, frequenta con profitto l’Istituto tecnico commerciale Baruffi, dove consegue il diploma di geometra. Trovato lavoro come impiegato, si iscrive alla facoltà di Scienze economiche all’università di Genova, ma è costretto a sospendere gli studi perché chiamato a prestare il servizio di leva. Arruolato come guardiamarina, dopo l’8 settembre ed il conseguente sbandamento delle forze armate italiane, ritorna a Vicoforte (CN), dove nel frattempo aveva preso residenza, e si collega con le formazioni partigiane della zona. Entrato a far parte della Formazione autonoma Val Casotto con il nome di battaglia di "Tenente Wolf", a gennaio diventa ufficiale della 4ª divisione delle Formazioni "Mauri" (Enrico Martini). Dislocato in Val Tanaro, prende parte a numerosi combattimenti, ma viene catturato assieme a molti compagni durante un grande rastrellamento operato dai nazisti all’inizio di marzo del 1944. Incarcerati a Ceva (CN), quasi tutti i detenuti vengono giustiziati verso la metà del mese, in varie zone del paese. Wolfang Prigione Beccaria viene fucilato alle ore 15 del 17 marzo 1944, nella piazza d’armi situata in località Sant’Agostino. Assieme a lui sono uccisi anche Isidoro Gottlieb, Natale Re e Fermo Michele Zambetti.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 22 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 6/5/1921
Luogo di nascita Genova
Residenza Vicoforte (CN)

Data di morte: 17/3/1944
Luogo di morte: Piazza d'armi di Ceva, in località Sant'Agostino
Comune di morte: Ceva
Provincia di morte: Cuneo
Regione di morte:Piemonte

Titolo di studioStudi universitari. Iscritto alla facoltà di Scienze economiche all'università degli studi di Genova; diploma di capitano marittimo all'Istituto nautico Leon Pancaldo; diploma di geometra all'Istituto tecnico commerciale Baruffi
Categoria professionaleUfficiali, impiegati pubblici e privati, pensionati
Professione Impiegato
Appartenenza alle Forze armateMarina
GradoGuardiamarina

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Tenente Wolf
Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: settembre 1943 - 31/12/1943
Tipo di reparto: Formazione
Nome del reparto: Formazione autonoma Val Casotto
Seconda formazione nella Resistenza: 1/1/1944 - 17/3/1944
Tipo di reparto: Gruppo
Nome del reparto: Gruppo Divisioni Alpine Mauri 1º
Grado conseguito: Ufficiale della 4a Divisione
Condizione al momento della morte: Combattente
Circostanza della morte: Eccidio
Descrizione della circostanza della morte: Catturato durante un rastrellamento tedesco in Val Tanaro, viene condotto a Ceva e fucilato con alcuni compagni il 17 marzo 1944, in una delle numerose esecuzioni nazifasciste effettuate in quei giorni nel Cuneese.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Alle ore 15 del 17 marzo 1944 Isidoro Gottlieb, Wolfang Prigione Beccaria, Natale Re e Fermo Michele Zambetti vengono fucilati nella piazza d’armi di Ceva, in località Sant’Agostino. Nei giorni precedenti e successivi, nel comune cuneese vengono giustiziati molti altri partigiani rastrellati dai nazifascisti nella primavera del ’44.
Collegamenti:Eccidio di Piazza d’armi di Ceva, in località Sant’Agostino , comune di Ceva . 17/3/1944
Visualizzazione ingrandita della mappa
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere:

BIBLIOGRAFIA

  • La salma del partigiano Beccaria trasportata da Mondovì a Finalmarina in "Il Lavoro nuovo", 28 maggio 1954
  • Michele Calandri (a cura di) Vite spezzate. I 15.430 morti nella guerra 1940-1945. Un censimento in provincia di Cuneo, Cuneo, Istituto storico della Resistenza in Cuneo e provincia, 2001, p. 857
  • Mimmo Franzinelli (a cura di) Ultime lettere dei condannati a morte e di deportati della Resistenza. 1943-1945, Milano, Mondadori, 2005, pp. 343-344
  • Mauri (Enrico Martini) Partigiani penne nere, Mondovì, 1968, pp. 48, 57 e 63

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera
Stato del documento: copia

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 9 fasc. 23

Note al documento:
La lettera è stata scritta nel marzo 1944, tra il giorno della cattura e quello della fucilazione di Wolfang Prigione Beccaria.

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI

Wolfang Prigione Beccaria, (Tenente Wolf) in Istoreto - Istituto piemontese per la Storia della Resistenza, Torino