Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Remo Dovano (Donovan)



PRESENTAZIONE

La foto ritrae Remo Dovano. Di anni 24. Nato il 21 aprile 1920 a Torino, ma residente ad Asti. Di professione operaio, assunto allo stabilimento astigiano della Way-Asauto, già nei primi anni quaranta entra a far parte del gruppo comunista di fabbrica. Nel marzo del 1943 partecipa attivamente all’organizzazione degli scioperi. Alcune settimane dopo l’armistizio, nel novembre 1943, abbandona la città e si sposta a nel cuneese aggregandosi alla VIII Divisione Garibaldi Asti, che opera nella zona di Borgo San Dalmazzo. Nel febbraio del 1944 la sua formazione si sbanda, ed egli è costretto a ritornare ad Asti. Qui si unisce alle Squadre d’azione patriottica (S.A.P.). La notte tra il 30 aprile ed il 1º maggio si reca a Borgo San Pietro con altri 3 compagni per affiggere manifesti che invitano la popolazione a scioperare per manifestare il dissenso verso la guerra. Sorpreso e catturato da alcuni elementi dell’U.P.I. (Ufficio politico investigativo), Dovano viene interrogato e torturato per due giorni, ma non rivela nessuna informazione. Sommariamente condannato a morte, il 4 maggio è prelevato dalla propria cella e condotto al poligono di tiro di Sessant (fraz. di Asti), dove viene fucilato. Durante la sua seppur breve prigionia, riesce a far pervenire alla fidanzata Rina un paio di lettere ed una poesia a lei dedicata. Dopo la liberazione gli è stata conferita la medaglia di bronzo al valor militare e alla memoria con la seguente motivazione: "Partigiano combattente, pur esente da obblighi militari, partecipava volontariamente fin dall’inizio alla lotta partigiana condotta dalle bande SAP operanti nell’Astigiano, e si distingueva in azioni di guerriglia, recupero ed occultamento di armi nella zona di Borgo San Dalmazzo. Durante una missione operativa veniva catturato unitamente ad altri partigiani e, benché sottoposto a crudeli torture, assumeva su di sé ogni responsabilità salvando così la vita ai suoi commilitoni. Condannato a morte affrontava il plotone d’esecuzione offrendo agli ideali, che così tenacemente aveva difeso, la sua giovane esistenza.- Asti, 4 maggio 1944".

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 24 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 21/4/1920
Luogo di nascita Torino
Residenza Asti

Data di morte: 4/5/1944
Luogo di morte: Poligono di tiro di Sessant
Comune di morte: Asti
Regione di morte:Piemonte

Categoria professionaleOperai
Professione Operaio Alla Way-Asauto di Asti.

Appartenenza politicaComunista

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Donovan
Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: settembre 1943 - novembre 1943
Tipo di reparto: Gruppo
Nome del reparto: Gruppo comunista dello stabilimento Way-Asauto di Asti
Seconda formazione nella Resistenza: novembre 1943 - febbraio 1944
Tipo di reparto: Divisione
Nome del reparto: Divisione Garibaldi Asti 8ª
Terza formazione nella Resistenza: febbraio 1944 - 4/5/1945
Tipo di reparto: Formazione
Nome del reparto: Formazione SAP (Squadra d'azione patriottica) di Asti
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Decisione di un comando militare
Tipo di esecuzione: Fascista
Descrizione della circostanza della morte: Sorpreso nella notte tra il 30 aprile ed il 1° maggio 1944 mentre affigge manifesti contro la guerra e a favore di uno sciopero dimostrativo in località Borgo San Pietro (AT), Remo Dovano è arrestato e torturato da alcuni elementi dell'U.P.I. (Ufficio politico investigativo).
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Dopo circa 4 giorni di prigionia e torture, Remo Dovano viene prelevato dalla propria cella e condotto al poligono di tiro di Sessant (fraz. di Asti), dove viene fucilato.
Riconoscimenti:militare: Medaglia di bronzo

BIBLIOGRAFIA

  • Asti. Rivista trimestrale del comune di Asti n. 11, 1965, pp. 117-118
  • Ricerca su Remo Dovano, operaio comunista, Asti, Ed. Collettivo Gramsci
  • Partigiani caduti in provincia di Asti in "Per la libertà / a cura di N. Fasano e M. Renosio", p. 52
  • Mimmo Franzinelli (a cura di) Ultime lettere dei condannati a morte e di deportati della Resistenza. 1943-1945, Milano, Mondadori, 2005, pp. 128-129
  • Fuso [Benvenuto Santus] La fucilazione di Remo Dovano in "La Voce dell'Astigiano", 19 giugno 1959
  • Mario Renosio Colline partigiane, Milano, Franco Angeli, 1994, pp. 61, 93, 103 e 274
  • Mario Renosio Tra mito sovietico e riformismo, Torino, Edizioni Gruppo Abele, 1999, pp. 157, 172 e 176

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a Rina (la fidanzata),
Località di stesura: Asti
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

La lettera è conservata presso:
Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti

Indirizzo web:
http://www.israt.it/

Note al documento:
Pur essendo priva di data, è logico supporre che la lettera sia stata scritta nel maggio del 1944, tra il giorno della cattura di Remo Dovano (1° maggio) e quello della sua fucilazione (4 maggio). In base alle informazioni in possesso di Nicoletta Fasano (Isr Asti), il dattiloscritto è tratto da un opuscolo realizzato in occasione del 25 aprile 1975, che contiene inoltre le trascrizioni delle altre lettere scritte da Dovano durante la prigionia.

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI