Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Clotilde Giannini



PRESENTAZIONE

La foto, in fotocopia, ritrae Clotilde Giannini. Di anni 41. Nata il 24 dicembre 1903 a Tornaco, in provincia di Novara. Residente a Gravellona Lomellina (PV) con il figlio ed il marito. Di professione operaia presso il calzaturificio Giudice di Cilavegna (PV). Il 3 marzo 1944 viene arrestata per aver preso parte ad uno sciopero. Rinchiusa dapprima al Castello di Vigevano, Clotilde Giannini è successivamente incarcerata a Milano, nel penitenziario di San Vittore, infine a Bergamo (il 18 marzo 1944). Deportata ad Auschwitz il 5 aprile, viene trasferita in data imprecisata nel lager di Bergen Belsen, situato in Bassa Sassonia. Qui rimane per oltre un anno, fino al 15 aprile 1945, giorno della liberazione del campo da parte delle truppe inglesi. Nove giorni dopo tuttavia Clotilde Giannini muore per le conseguenze di ciò che ha subito durante la prigionia.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 41 anni
Genere Femmina
Stato civileConiugata
Data di nascita 24/12/1903
Luogo di nascita Tornaco
Provincia di nascita Novara
Residenza Gravellona Lomellina (PV)

Data di morte: 24/3/1945
Nazione di morte: Germania


ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Tipologia del condannato:Deportato
Motivo della deportazione: Attività antifascista
Luogo della deportazione: Lager di Auschwitz, poi Lager di Bergen-Belsen
Condizione al momento della morte: Deportato
Descrizione della circostanza della morte: Arrestata per lo sciopero del 3 marzo 1944 al calzaturificio Giudice di Cilavegna (dove lavorava), Clotilde Giannini è incarcerata prima al Castello di Vigevano, poi a San Vittore (Milano) ed infine a Bergamo. Il 5 aprile è deportata ad Auschwitz, quindi è trasferita a Bergen-Belsen, lager nella bassa Sassonia. Liberata dagli inglesi il 15 aprile 1945, muore nove giorni dopo per le conseguenze di ciò che ha subìto nel campo di concentramento.

BIBLIOGRAFIA

  • Maria Antonietta Arrigoni - Marco Savini Dizionario biografico della deportazione pavese, Milano, Edizioni Unicopli, 2005, pp. 127-128
  • Mario Avagliano - Marco Palmieri Voci dai lager. Diari e lettere di deportati politici italiani 1943-1945, Torino, Einaudi, 2012, p. 263
  • Giulio Guderzo L’altra guerra, Bologna, Il Mulino, 2002, p. 131
  • Valeria Morelli I deportati italiani nei campi di sterminio: 1943-1945, Milano, Scuole grafiche pav. Artigianelli, 1965, p. 131

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a marito Alfredo, scritta in data 04-05-1944
Località di stesura: Verona
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: fotocopia cartacea

La lettera è conservata presso:
Istituto pavese per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea - Pavia

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/pavia


INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI