Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Leonardo Spagnoletto



PRESENTAZIONE

La foto ritrae Leonardo Spagnoletto. Di anni 65. Nato il 7 febbraio 1879 a Roma ed ivi residente. Sposato. Di professione commerciante. Confinato nel ghetto ebraico della capitale, riesce a scampare alla grande retata del 16 ottobre 1943 rifugiandosi all’interno della basilica di San Paolo Fuori le Mura assieme ai figli Aurelio, Ezio e Mario, al nipote Leonardo e al genero Michele Ezio Spizzichino. Nella notte tra il 3 e il 4 febbraio 1944 tuttavia, i fascisti, guidati da Pietro Koch e dal questore Pietro Caruso, violano la sovranità vaticana sulla zona (stabilita nei Patti Lateranensi) ed irrompono nella chiesa, arrestando tutti gli ebrei che vi hanno trovato asilo. Anche Leonardo Spagnoletto viene inizialmente condotto nel penitenziario di Regina Coeli, ma in virtù della sua età viene escluso dal gruppo di coloro che sono destinati alla deportazione. La sua ferma volontà di condividere il destino dei parenti però, fa sì che anch’egli venga tradotto al campo di concentramento di Fossoli (Carpi, MO). Trasferito temporaneamente all’ospedale di Verona, viene inviato al lager di Auschwitz con il convoglio del 26 giugno 1944. Al suo arrivo in Polonia, quattro giorni dopo, viene riconosciuto inabile al lavoro ed ucciso all’interno della camera a gas.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 65 anni
Genere Maschio
Stato civileConiugato
Data di nascita 7/2/1879
Luogo di nascita Roma
Residenza Roma

Data di morte: 30/6/1944
Nazione di morte: Polonia
Luogo di morte: Lager di Auschwitz

Categoria professionaleIndustriali, commercianti
Professione Commerciante

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Tipologia del condannato:Deportato
Motivo della deportazione: Razziale
Luogo della deportazione: Fossoli, poi Auschwitz
Condizione al momento della morte: Deportato
Descrizione della circostanza della morte: Rifugiatosi con alcuni familiari nella basilica di San Paolo Fuori le Mura (Roma), è arrestato malgrado il territorio della chiesa non sia sotto la giurisdizione delle forze militari della RSI e dell'occupante tedesco. Incarcerato a Regina Coeli, viene inizialmente escluso dall'internamento a causa della sua età. La sua ferma volontà di condividere il destino dei parenti lo condurrà prima a Fossoli, poi ad Auschwitz. Al suo arrivo in Polonia, il 30 giugno 1944, è ucciso nella camera a gas.

BIBLIOGRAFIA

  • Violata immunità del monastero di San Paolo in "Civiltà Cattolica" quaderno 2249, 4 marzo 1944, pp. 323-325
  • Mimmo Franzinelli (a cura di) Ultime lettere dei condannati a morte e di deportati della Resistenza. 1943-1945, Milano, Mondadori, 2005, pp. 317-318
  • Liliana Picciotto Fargion Il libro della memoria. Gli Ebrei deportati dall’Italia (1943-1945), Milano, Mursia, 1991 (nuova ed. 2002), p. 561

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a Figli, scritta in data 29-05-1944
Località di stesura: Verona
Stato del documento: copia


La lettera è conservata presso: Archivio Yad Vashem - The Holocaust Martyrs’ and Heroes’ Remembrance Authority, Gerusalemme (Israele)

Note al documento:
Alla sedicesima riga della seconda facciata i puntini di sospensione celano un nominativo omesso per volontà dei famigliari di Leonardo Spagnoletto.

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI