Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Maria Luigia Borgato (Soti)



PRESENTAZIONE

Nessuna foto per ora disponibile Di anni 46. Nata il 7 settembre 1898 a Saonara (Padova). Casalinga e contadina. Durante l’infanzia, a causa di un problema motorio agli arti inferiori, subisce un’operazione che purtroppo non ha pieno successo. Le condizioni economiche della famiglia non le consentono un nuovo intervento, perciò la piccola Maria Luigia resta zoppa. Animata da un forte sentimento religioso, frequenta la chiesa ed insegna catechismo, interessandosi alle Missioni cattoliche. La sua vocazione di farsi suora è frustrata dal problema fisico che la affligge, ma non le impedisce di prendere i voti come suora laica al convento Sant’Orsola di Padova. Dopo l’armistizio fornisce aiuto ed assistenza sia ai militari italiani sbandati che ai prigionieri alleati, accogliendoli nella propria casa. Entrata in contatto con il Comitato clandestino di Padova, a bordo della sua bicicletta compie numerosi viaggi tra Saonara ed il capoluogo, procurando a ricercati e fuggitivi cibo, vestiti e, con l’aiuto di padre Placido Cortese, documenti falsi. Le SS, informate da un delatore, irrompono nell’abitazione dei Borgato per ben tre volte. L’ultima, la notte del 13 marzo 1944, arrestano Maria, suo fratello Giovanni e la figlia primogenita di quest’ultimo, Delfina, che spesso aveva accompagnato la zia nei suoi viaggi a Padova. Rinchiusi a Venezia, nel carcere di Santa Maria Maggiore, Maria Luigia si fa carico di ogni responsabilità, scagionando il fratello, che viene così liberato. Le due donne invece rimangono in stato di fermo e a luglio sono tradotte al Lager di Bolzano. Delfina è inviata a Mauthausen il 5 agosto, ed immediatamente trasferita in un campo di lavoro. Maria Luigia la raggiunge a metà mese, su sua stessa insistenza (non voleva infatti essere separata dalla nipote). A causa della sua malformazione fisica però, è ritenuta inabile al lavoro. Rimasta a Mauthausen, si occupa principalmente di rammendare le uniformi delle compagne, fino a quando non si ammala. Con la scusa di una visita medica, è condotta ed uccisa nella camera a gas in data imprecisata.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Genere Femmina
Stato civileNubile
Data di nascita 7/9/1898
Luogo di nascita Saonara
Provincia di nascita Padova

Data di morte:
Nazione di morte: Austria
Luogo di morte: Lager di Mauthausen

Categoria professionaleCondizioni non professionali
Professione Casalinga

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Soti
Tipologia del condannato:Deportato
Motivo della deportazione: attività partigiana
Luogo della deportazione: Bolzano e poi Mauthausen
Data della deportazione: luglio 1944
Condizione al momento della morte: Deportato
Descrizione della circostanza della morte: Staffetta e collegamento col Cln di Padova, aiuta i partigiani ritirando documenti falsi da Padre Cortese. Catturata col fratello e la nipote Delfina, viene rinchiusa nel carcere di Santa Maria Maggiore, a Venezia. Dopo aver scagionato il fratello, Maria decide di seguire Delfina, che nel frattempo è stata inviata a Mauthausen. Verso la metà di agosto raggiunge il Lager, ma la nipote nel frattempo è stata trasferita in un sottocampo.
Modalità dell'esecuzione Con la scusa di una visita medica, viene condotta nella camera a gas del lager di Mauthausen, dove trova la morte.

BIBLIOGRAFIA

  • Delfina Borgato - A cura di Manuela Tommasi Non si poteva dire di no. Prigionia e Lager nei diari e nella corrispondenza di un’internata. Venezia-Mauthausen-Linz 1944-1945, Verona, Cierre Edizioni, 2002
  • Mimmo Franzinelli (a cura di) Ultime lettere dei condannati a morte e di deportati della Resistenza. 1943-1945, Milano, Mondadori, 2005, pp. 248-249
  • Cinzia Roselli Ricordo di Maria Borgato in "Casa nostra", [Saonara (Pd)], novembre 1970, pp. 3-4
  • Enzo Zatta Maria Borgato. Una vita firmata dono, Padova, Cleup, 2002

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a genitori, fratelli e cognati, scritta in data 09-08-1944
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: fotocopia cartacea

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Raccolta Franzinelli/Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza 1943-1945

Note al documento:
Sul retro è stampato il timbro della "Direzione carceri giudiziarie. Bolzano". Il testo in questa parte è suddiviso nelle due estremità della facciata come se fossero due pagine differenti.

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI