Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Aldo Bacconi



PRESENTAZIONE

Nessuna foto per ora disponibile Di anni 19, bersagliere, celibe. Nato il 22 gennaio 1925 a Sinalunga (Siena) e ivi residente. La notte dell’8 marzo 1944, ultimo giorno utile per sbandati e renitenti per rientrare nei ranghi dell’esercito della RSI, Aldo, insieme ad Angelo Bartoli e Dino Sennati, scelsero di passare definitivamente nelle fila dei partigiani. In attesa, vicino a Pienza, del camion che li avrebbe dovuti condurre in montagna, non vedendolo arrivare, i tre giovani decisero di incamminarsi a piedi lungo la strada per Trequanda. Fermati da due militi e un carabiniere, Angelo riuscì a fuggire, mentre Dino e Aldo furono arrestati e inviati, la notte stessa, alla caserma di Santa Chiara a Siena. Il 10 marzo iniziarono gli interrogatori e l’11 ci fu il processo. Il Tribunale straordinario militare di guerra, presieduto dal generale di Divisione Raffaele Berti, era composto dal capitano Leonardo Iaquinto, dal tenente colonnello Nicola Pepe, dal maggiore Guido Nanni e dal capitano Gabriele Zoppis in qualità di giudici. Condannati a morte, Dino e Aldo furono condotti al carcere di Santo Spirito dove ebbero modo di scrivere gli ultimi messaggi. Nel frattempo mons. Arcivescovo era intervenuto presso il generale Adami Rossi per ottenere la sospensione dell’ordine di esecuzione. Il giorno successivo fu concessa loro la grazia.

Autore della presentazione: Enrica Cavina

DATI ANAGRAFICI


Età 19 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 22/1/1925
Luogo di nascita Sinalunga
Provincia di nascita Siena
Residenza Sinalunga

Questo condannato fu graziato.

Se la grazia non fosse sopraggiunta in data 12/3/1944, la condanna sarebbe stata eseguita dal:
generale Adelmi Rossi .

In breve:
Seppur condannati a morte l’11 marzo 1944 per diserzione, Dino Sennati e Alvaro Bacconi ottennero la grazia.

Categoria professionaleEsercito, marina, aereonautica e altri corpi armati dello stato e di enti pubblici (esclusi gli ufficiali)
Professione Bersagliere
Appartenenza alle Forze armateEsercito
Arma Fanteria
Reparto tiburio Bersaglieri
GradoBersagliere

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale militare straordinario di guerra - Sentenza emessa in data 11/3/1945.
Circostanza della morte, se non fosse intervenuta la grazia: Eccidio
Descrizione della circostanza della morte: Catturati nella notte del 9 marzo 1944, dopo alcuni interrogatori, Aldo Bacconi e Dino Sennati furono processati l'11 marzo 1944 per diserzione e condannati a morte dal tribunale straordinario militare di guerra. Immediatamente dopo la sentenza l'Arcivescovo si appellò al prefetto Chiurco al fine di ottenere la grazia che fu concessa dal generale Adami Rossi.
Causa della morte, se non fosse intervenuta la grazia: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione, evitata dalla grazia: Seppur condannati a morte l’11 marzo 1944 per diserzione, Dino Sennati e Alvaro Bacconi ottennero la grazia.
Collegamenti:Eccidio di Siena, comune di Siena (Siena). 11/3/1944
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere: Dino Sennati |

BIBLIOGRAFIA

  • Smeraldo Amidei (a cura di) Infamia e gloria in terra di Siena durante il nazi-fascismo, Siena, Cantagalli, 1945, pp. 32-36.

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a amico Angiolino, scritta in data 11-03-1944
Località di stesura: Carcere di Santo Spirito, Siena
Stato del documento: copia



Collocazione bibliografica:
Smeraldo Amidi (a cura di), Infamia e gloria in terra di Siena durante il nazi-fascismo, Siena, Cantagalli, 1945, p. 33.


» Leggi
Lettera a zio Napoli, scritta in data 11-03-1944
Località di stesura: Carcere di Santo Spirito, Siena
Stato del documento: copia



Collocazione bibliografica:
Smeraldo Amidi (a cura di), Infamia e gloria in terra di Siena durante il nazi-fascismo, Siena, Cantagalli, 1945, p. 33.


» Leggi
Lettera a conoscenti ed amici, scritta in data 11-03-1944
Località di stesura: Carcere di Santo Spirito, Siena
Stato del documento: copia



Collocazione bibliografica:
Smeraldo Amidi (a cura di), Infamia e gloria in terra di Siena durante il nazi-fascismo, Siena, Cantagalli, 1945, pp. 33-34.


» Leggi
Lettera a Madre, scritta in data 11-03-1944
Località di stesura: Carcere di Santo Spirito, Siena
Stato del documento: copia



Collocazione bibliografica:
Smeraldo Amidi (a cura di), Infamia e gloria in terra di Siena durante il nazi-fascismo, Siena, Cantagalli, 1945, p. 34.


INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI