Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Ignazio Vian (Ignazio, Azio)



PRESENTAZIONE

La foto ritrae Ignazio Vian. Di anni 27. Nato il 9 febbraio 1917 a Venezia. Residente a Roma. Di professione insegnante. Arruolato come tenente di complemento della guardia di frontiera, dopo l’8 settembre raduna numerosi soldati sbandati e li guida nella resistenza ai tedeschi nella zona di Boves (CN). In seguito ai continui rastrellamenti nazifascisti (che porteranno anche all’incendio dell’abitato), le forze partigiane vengono decimate e disgregate. Costretto a spostarsi in Val Corsaglia, Vian riorganizza i suoi uomini in una nuova banda, che poco dopo entra a far parte delle formazioni autonome "Mauri". Nominato vice-comandante del 1º gruppo divisioni, il 19 aprile è inviato in missione a Torino., ma, riconosciuto da un delatore, viene catturato dai tedeschi alla stazione di Porta Nuova. Condotto in un primo momento presso la sede del comando delle SS, quindi rinchiuso nelle carceri Nuove, Ignazio Vian subisce ripetuti interrogatori e torture finché, il 22 luglio, è prelevato dalla cella e condotto in Corso Vinzaglio, dove viene impiccato assieme a Battista Bena, Felice Briccarello e Francesco Valentino. Alla sua memoria è stata conferita la medaglia d’oro al valor militare con la seguente motivazione: "Primo fra i primi, organizzava il fronte della resistenza in Piemonte affrontando in campo aperto il tedesco invasore ed assumendo quindi la condotta della più epica battaglia della guerra partigiana tra gli incendi e le rovine di Boves, dove, chiamati a raccolta col suono delle campane i suoi volontari, in quattro giorni di dura lotta li incitava alla riscossa con la parola, l’esempio e il suo strenuo valore. Caduto in mano al nemico, con stoicismo sopportò le torture più atroci pur di non tradire i compagni di lotta. Sereno e cosciente salì al capestro nel nome d’Italia, martire della libertà, santo dell’idea. Boves, 9 settembre 1943 - Torino, 22 luglio 1944." La data del Decreto è tuttora in fase di verifica.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 27 anni
Genere Maschio
Data di nascita 9/2/1917
Luogo di nascita Venezia
Residenza Roma

Data di morte: 22/7/1944
Luogo di morte: Corso Vinzaglio . C'è memoria epigrafica
Comune di morte: Torino
Regione di morte:Piemonte

Titolo di studioLaurea. Laurea in Magistero
Categoria professionaleCulto, professioni e arti liberali
Professione Insegnante
Appartenenza alle Forze armateEsercito
GradoTenente di complemento

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Ignazio, Azio
Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: 8/9/1943 - inverno 1943
Tipo di reparto: Formazione
Nome del reparto: Formazione partigiana di Boves
Seconda formazione nella Resistenza: gennaio 1944 - 13/3/1944
Tipo di reparto: Comando
Nome del reparto: Comando Formazioni autonome Mauri
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Decisione di un comando militare
Tipo di esecuzione: Fascista
Circostanza della morte: Eccidio
Descrizione della circostanza della morte: Sorpreso dai nazifascisti in missione a Torino, probabilmente a causa di una delazione, Ignazio Vian è catturato tra il 19 e il 20 aprile 1944. Dopo un breve passaggio alla sede delle SS nell'Albergo Nazionale, è imprigionato alle Carceri Nuove, dove viene interrogato e torturato. Il 22 luglio è condotto in Corso Vinzaglio ed impiccato a un albero.
Causa della morte: Impiccagione
Modalità dell'esecuzione Il 22 luglio 1944 Battista Bena, Felice Briccarello, Francesco Valentino ed Ignazio Vian, detenuti nelle Carceri Nuove di Torino, vengono condotti in Corso Vinzaglio ed impiccati, mentre i soldati fascisti che li hanno prelevati dalle loro celle bloccano i tram affinché i passeggeri possano assistere all’esecuzione.
Riconoscimenti:militare: Medaglia d'oro
Collegamenti:Eccidio di Corso Vinzaglio, comune di Torino (Torino). 22/7/1944
Visualizzazione ingrandita della mappa
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere:

BIBLIOGRAFIA

  • Le radici e le ali: 1943/45-1993/95: memoria e storia nelle celebrazioni del cinquantennale della Resistenza e della Guerra di liberazione, Roma, 1996, p. 533
  • Enzo Collotti - Renato Sandri - Frediano Sassi (a cura di) Dizionario della Resistenza, Torino, Einaudi, 2001, vol. I p. 501; vol. II pp. 179, 180, 371, 666
  • Vittorio Emanuele Giuntella Ignazio Vian: il difensore di Boves, Torino, Autonomi, 1967
  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, p. 332
  • Mauri (Enrico Martini) Con la libertà e per la libertà, Torino, Società editrice torinese, 1947, pp. 17-27, 49, 74, 83, 149-150
  • COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

    » Leggi
    Lettera a Madre,
    Località di stesura: Carceri Nuove di Torino
    Stato del documento: copia


    Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

    La lettera è conservata presso:
    Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

    Indirizzo web:
    http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

    Collocazione archivistica:
    Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 8 fasc. 16

    Note al documento:
    Come spiega anche la didascalia del trascrittore, si tratta di "Parole scritte su di una pagnotta ritrovata nella cella ed ora conservata dai famigliari".

    » Leggi
    Lettera a Tutti,
    Località di stesura: Carceri Nuove di Torino
    Stato del documento: copia


    Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

    La lettera è conservata presso:
    Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

    Indirizzo web:
    http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

    Collocazione archivistica:
    Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 8 fasc. 16

    Note al documento:
    La lettera, come spiega il trascrittore nella didascalia, è scritta "... con il sangue sul muro della cella".

    » Leggi
    Lettera a Tutti (nomi),
    Località di stesura: Carceri Nuove di Torino
    Stato del documento: copia


    Tipo di copia della lettera: foto da originale

    La lettera è conservata presso:
    Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

    Indirizzo web:
    http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

    Collocazione archivistica:
    Fondo Raccolta fotografica Insmli, b. 3, fasc. 51

    Note al documento:
    Sul retro della fotografia è scritto: "Pagnotta di prigioniero di Ignazio Vian con l'ultimo saluto alla famiglia".

    INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI