Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Arturo Turani (Arturo)



PRESENTAZIONE

Nessuna foto per ora disponibile Di anni 55. Nato il 29 settembre 1888 a Bergamo ed ivi residente. Di professione architetto. Dopo l’armistizio organizza e comanda la brigata Matteotti che in seguito prenderà il suo nome. Il 19 novembre 1943 alcuni militi tedeschi irrompono nella sua casa di via Pignolo per arrestarlo. Rinchiuso nelle carceri cittadine, il 28 dicembre Turani viene processato dal tribunale speciale tedesco, che lo condanna a morte. La sentenza è eseguita il 23 marzo successivo, alla Caserma Seriate. Con lui viene fucilato anche Giuseppe Sporchia, partigiano appartenente alla sua stessa formazione.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 55 anni
Genere Maschio
Data di nascita 29/9/1888
Luogo di nascita Bergamo
Residenza Bergamo

Data di morte: 23/3/1944
Luogo di morte: Caserma Seriate
Comune di morte: Bergamo
Regione di morte:Lombardia

Titolo di studioLaurea
Categoria professionaleCulto, professioni e arti liberali
Professione Architetto

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Arturo
Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: 8/9/1943 - 28/12/1943
Tipo di reparto: Brigata
Nome del reparto: Brigata Matteotti (poi nominata Brigata Matteotti Arturo Turani)
Grado conseguito: Comandante
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale speciale tedesco di Bergamo - Sentenza emessa in data 28/12/1943.
Esecuzione:Nazifascista
Circostanza della morte: Eccidio
Descrizione della circostanza della morte: Il 19 novembre 1943 è arrestato a Bergamo, nella sua casa di via Pignolo, da alcuni militi tedeschi. Il 28 dicembre 1943 il Tribunale speciale tedesco lo processa e lo condanna a morte. La sentenza è eseguita alla Caserma Seriate, il 23 marzo 1944, mediante fucilazione.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Condannati a morte dal Tribunale militare tedesco, il 23 marzo 1944 Arturo Turani (comandante di Brigata) e Giuseppe Sporchia vengono fucilati presso la Caserma Seriate in Bergamo.
Collegamenti:Eccidio di Caserma Seriate , comune di Bergamo . 23/3/1944
Visualizzazione ingrandita della mappa
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere: Giuseppe Sporchia |

BIBLIOGRAFIA

  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, p. 313
  • Adolfo Scalpelli Inizi della Resistenza a Bergamo in "Il movimento di liberazione in Italia" n. 65 - ottobre-dice, Milano, Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia, 1961
  • COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

    » Leggi
    Lettera
    Località di stesura: Bergamo
    Stato del documento: copia


    Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

    La lettera è conservata presso:
    Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

    Indirizzo web:
    http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

    Collocazione archivistica:
    Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 7 fasc. 13


    INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI