Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Aldo Sbriz (Leo)



PRESENTAZIONE

Nessuna foto per ora disponibile Di anni 34. Nato il 14 febbraio 1910 a Cormons (GO) ed ivi residente. Sposato. Di professione falegname. Membro del Partito comunista italiano clandestino fin dal 1930, viene accusato di attività antifascista e processato dal Tribunale speciale per la difesa dello Stato, che lo condanna a 4 anni di reclusione. Nel 1937 è rilasciato, ma viene tenuto costantemente sotto sorveglianza. Dopo l’8 settembre entra a far parte del movimento di liberazione nazionale, divenendo comandante di una compagnia del battaglione Mazzini, inquadrato nella brigata Gramsci, divisione d’assalto Garibaldi Natisone. Catturato dalle SS il 1º gennaio 1944 durante un rastrellamento nelle vicinanze di Cormons, Aldo Sbriz viene interrogato e torturato più volte, prima di essere processato dal tribunale militare territoriale tedesco di Gorizia. Condannato a morte, viene fucilato al poligono di tiro della Panovizza (Panovec in sloveno, Panowitz in tedesco), il 7 marzo 1944.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 34 anni
Genere Maschio
Stato civileConiugato
Data di nascita 14/2/1910
Luogo di nascita Cormons
Provincia di nascita Gorizia
Residenza Cormons

Data di morte: 7/3/1944
Luogo di morte: Poligono della Panovizza (Panovec in sloveno, Panowitz in tedesco)
Comune di morte: Gorizia
Regione di morte:Friuli Venezia Giulia

Categoria professionaleOperai
Professione Falegname

Appartenenza politicaComunista

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Leo
Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: settembre 1943 - 7/3/1944
Tipo di reparto: Battaglione
Nome del reparto: Battaglione Mazzini, Brg. Gramsci, Div. d'assalto Garibaldi Natisone
Grado conseguito: Comandante di compagnia
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale militare territoriale tedesco di Gorizia
Esecuzione:Nazista
Descrizione della circostanza della morte: Il 1° gennaio 1944 Aldo Sbriz è catturato dalle SS durante un rastrellamento nelle vicinanze di Cormons. Il Tribunale militare territoriale tedesco di Gorizia lo processa e lo condanna a morte. La sentenza viene eseguita al Poligono di tiro della Panovizza (Panovec in sloveno, Panowitz in tedesco), il 7 marzo 1944.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Aldo Sbriz è fucilato da un plotone della Feldgendarmerie il 7 marzo 1944, a Gorizia, all'interno del poligono di tiro della Panovizza (Panovec in sloveno, Panowitz in tedesco).

BIBLIOGRAFIA

  • Mimmo Franzinelli Ultime lettere. Scritti di fucilati e deportati della Resistenza in "Italia contemporanea" n. 237, Milano, Carocci editore, dicembre 2004, p. 540
  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, pp. 286-287

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a i suoi cari, scritta in data 06-03-1944
Località di stesura: Gorizia
Stato del documento: copia

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 7 fasc. 13

Note al documento:
In alto al documento, sopra il testo della lettera, una didascalia spiega: "COPIA DELLA LETTERA SCRITTA DA SBRIZ ALDO DI CORMONS/ FUCILATO IL 7/3/1944 A GORIZIA.-".

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI