Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Francesco Rigoldi (Silvio)



PRESENTAZIONE

La foto è in realtà una cartolina, opera dello studio Foto G. Citelli di Milano, di cui è presente il timbro sul retro. Sotto all’immagine che ritrae Francesco Rigoldi è scritto: "Tal fiamma di fede che infondesti/a chi è caduto con te/Rimarrà per noi e i tuoi figli/
la nostra fè". Di anni 30. Nato il 29 marzo 1914 a Rodano Milanese, in provincia di Milano. Sposato. Di professione Operaio. Entrato a far parte del Partito comunista italiano nel 1940, dopo il 25 luglio 1943 diventa membro della prima commissione interna degli stabilimenti della Pirelli in Bicocca (una zona di Milano). Responsabile dell’attività clandestina del partito nella zona di Sesto San Giovanni (MI), il 27 aprile 1944 viene arrestato dai nazifascisti. Destinato alla deportazione in Germania, il 14 luglio 1944 riesce a fuggire dalla tradotta ferroviaria che lo sta trasportando oltre confine. Rifugiatosi in un primo momento nell’Alta provincia bergamasca, nel settembre 1944 si trasferisce nel comasco, dove si unisce alla 52ª brigata Garibaldi. Il 22 dicembre 1944 tuttavia viene nuovamente catturato, in seguito ad uno scontro armato con le Brigate Nere a Sala Comancina (CO). Incarcerato a Como, Francesco Rigoldi viene condannato a morte dal tribunale militare e fucilato il 30 dicembre 1944 contro il muro di cinta del poligono di tiro di Camerlata (CO). Assieme a lui vengono giustiziati anche i partigiani Mario Bigliani, Giovanni Busi, Carlo Sormani e Villa da Monza.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 30 anni
Genere Maschio
Stato civileConiugato
Data di nascita 29/3/1914
Luogo di nascita Rodano Milanese
Provincia di nascita Milano

Data di morte: 30/12/1944
Luogo di morte: Poligono di tiro di Camerlata
Comune di morte: Como
Regione di morte:Lombardia

Categoria professionaleOperai
Professione Operaio

Appartenenza politicaComunista

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Silvio
Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: luglio 1943 - settembre 1944
Tipo di reparto: Commissione
Nome del reparto: Commissione interna della Pirelli (stabilimenti alla Bicocca)
Seconda formazione nella Resistenza: settembre 1944 - 30/12/1944
Tipo di reparto: Brigata
Nome del reparto: Brigata Garibaldi 52ª
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale delle Brigate Nere di Como - Sentenza emessa in data 12/1944.
Esecuzione:Fascista
Circostanza della morte: Strage
Descrizione della circostanza della morte: Attivo antifascista fin dal 1940, Francesco Rigoldi sfugge alla deportazione in Germania e si unisce alle formazioni partigiane. Arrestato una seconda volta il 22 dicembre 1944, dopo uno scontro armato con le Brigate Nere a Sala Comancina, viene incarcerato a Como e torturato. Il Tribunale militare lo condanna a morte: la sentenza viene eseguita il 30 dicembre al poligono di tiro di Carmerlata. Con Rigoldi ci sono altri 4 prigionieri.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Il 30 dicembre 1944, contro il muro di cinta del poligono di tiro di Camerlata (CO), un plotone d’esecuzione composto da fascisti fucila i partigiani Mario Bigliani, Giovanni Busi, Francesco Rigoldi, Carlo Sormani e Villa da Monza.
Collegamenti:Strage di Poligono di tiro di Camerlata, comune di Como (Como). 30/12/1944
Visualizzazione ingrandita della mappa
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere:

BIBLIOGRAFIA

  • 40º del martirio di Francesco Rigoldi, Milano, Partito comunista italiano, Sezione Francesco Rigoldi, s.d.
  • I martiri della libertà, Milano, A.N.P.I., [1945], p. 139
  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, p. 274

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a Moglie, scritta in data 29-12-1944
Località di stesura: Como
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 7 fasc. 13

Note al documento:
Nella parte superiore del documento, una didascalia spiega "Ultima lettera del Partigiano RIBOLDI FRANCESCO fucilato a/Camerlata – Como.".

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI