Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Carlo Pizzorno (Carluccio)



PRESENTAZIONE

La foto è conservata presso l’archivio Insmli in copia digitale. Nato a Romagnano Sesia il 5 settembre 1922, fucilato a Torino il 22 settembre 1944. Laureando alla facoltà di Giurisprudenza di Torino, entra nelle formazioni partigiane cittadine col grado di capitano e svolge per quasi un anno lavoro organizzazione, collegamento e sabotaggio. Concepisce e organizza in ogni particolare l’assalto all’aeroporto di Venaria Reale. Catturato  a seguito di delazione da militi fascisti la notte del 18 agosto 1944, poche ore prima dell’azione a Venaria, viene più volte torturato. Processato la notte del 21 settembre 1944 dal Tribunale Contro Guerriglia di Torino è fucilato all’alba del 22 settembre da un plotone di militi della GNR al poligono del Martinetto con Oreste Armano, Giuseppe Bocchiotti, Walter Caramellino, Gianfranco Farinati, Lorenzo Massai Landi e Ferruccio Valobra.

Autore della presentazione: Mauro Begozzi

DATI ANAGRAFICI

Età 22 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 5/9/1922
Luogo di nascita Romagnano Sesia
Provincia di nascita Novara
Residenza Torino

Data di morte: 22/9/1944
Luogo di morte: Poligono di tiro del Martinetto . C'è memoria epigrafica
Comune di morte: Torino
Regione di morte:Piemonte

Titolo di studioStudi universitari. Laureando alla facoltà di Giurisprudenza all’Università di Torino
Categoria professionaleCondizioni non professionali
Professione Studente universitario
Appartenenza alle Forze armateEsercito
Arma Cavalleria
GradoAllievo ufficiale

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Carluccio
Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: 16/3/1944 - 22/9/1944
Tipo di reparto: Distaccamento
Nome del reparto: Distaccamento SAP di Torino
Grado conseguito: Comandante di distaccamento
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale Co.Gu. (contro guerriglia) di Torino - Sentenza emessa in data 21/9/1944.
Esecuzione:Fascista
Circostanza della morte: Strage
Descrizione della circostanza della morte: Tradito da un delatore, Carlo Pizzorno è arrestato dai fascisti il 18 agosto 1944, alla vigilia di una grande operazione di sabotaggio all’aeroporto di Venaria Reala (TO). Processato dal Tribunale Co.Gu. (contro guerriglia) di Torino oltre un mese più tardi (21 settembre), viene condannato a morte. La sentenza è eseguita al Poligono del Martinetto il giorno 22 settembre. Con lui, ci sono altri 6 prigionieri.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Il 22 settembre 1944 Oreste Armano, Giuseppe Bocchiotti, Walter Caramellino, Gianfranco Farinati, Francesco Lorenzo Massai Landi, Carlo Pizzorno e Ferruccio Valobra (condannati a morte per la loro attività partigiana) sono fucilati al poligono di tiro del Martinetto di Torino, ad opera di un plotone d’esecuzione della GNR.
Riconoscimenti:militare: Medaglia d'argento assegnata in data 10/10/1947
Collegamenti:Strage di Poligono di tiro del Martinetto , comune di Torino . 22/9/1944
Visualizzazione ingrandita della mappa
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere: Oreste Armano | Giuseppe Bocchiotti | Walter Caramellino | Francesco Lorenzo Massai Landi | Ferruccio Valobra |

BIBLIOGRAFIA

  • Nicola Adducci - Luciano Boccalatte - Giuliana Minute Che il silenzio non sia silenzio. Memoria civica dei caduti della Resistenza a Torino, Torino, Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea, 2003, pp. 124, 169
  • Mauro Begozzi "Non preoccuparti...che muoio innocente". Lettere di resistenti novaresi condannati a morte, Novara, Interlinea Edizioni, 1995, pp. 33-34
  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, pp. 260-261

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a Padre, scritta in data 22-09-1944
Località di stesura: Torino
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 7 fasc. 13

Note al documento:
Nella parte superiore della prima pagina, una didascalia spiega "Lettera scritta dalle Carceri Giudiziarie di Torino da/CARLUCCIO PIZZORNO (Arch.To.)". La frase è cancellata da una riga ondulata tracciata a mano, con una penna nera.

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI