Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Paolo Casanova



PRESENTAZIONE

Nessuna foto per ora disponibile Di anni 21. Nato il 14 novembre 1923 a Altamura (Bari) ed ivi residente. Di professione fornaio. Dopo l’armistizio, risponde ai bandi di reclutamento della Repubblica Sociale Italiana e viene arruolato nell’8º Reggimento Bersaglieri, dislocato a Verona. All’inizio del settembre del 1944 prende contatto con il comando della Brigata partigiana Verona, a cui fornisce le munizioni che sottrae al deposito della caserma. Scoperto durante una di queste operazioni, è arrestato dalle SS il 12 dello stesso mese. Incarcerato a Verona, il 15 gennaio 1945 viene processato e condannato a morte dal locale tribunale militare tedesco. La sentenza è eseguita il 9 febbraio successivo, al poligono di tiro cittadino.

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 21 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 14/11/1923
Luogo di nascita Altamura
Provincia di nascita Bari
Residenza Altamura

Data di morte: 9/2/1945
Luogo di morte: Poligono di tiro di Verona
Comune di morte: Verona
Regione di morte:Veneto

Titolo di studioLicenza elementare
Categoria professionaleOperai
Professione Fornaio
Arruolato nella Repubblica Sociale Italiana.
Periodoautunno 1943-11
Reparto RSI8° Reggimento Bersaglieri

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: settembre 1944 - 9/2/1945
Tipo di reparto: Brigata
Nome del reparto: Brigata Verona
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale militare tedesco di Verona - Sentenza emessa in data 11/1/1945.
Descrizione della circostanza della morte: Paolo Casanova, milite dell'8° Reggimento bersaglieri, prende contatto con la Brigata partigiana Verona ed approfittando del suo ruolo la rifornisce di armi. Scoperto il 12 settembre 1944 a causa di una delazione, viene arrestato e processato l'11 gennaio 1945 dal Tribunale militare tedesco di Verona,che lo condanna a morte.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Dopo la sentenza, arrivata l'11 gennaio 1945, trascorre quasi un intero mese (è infatti il mattino del 9 febbraio 1945) prima che Paolo Casanova venga prelevato e trasportato al poligono di tiro cittadino, dove è bendato, legato a un palo e, infine, fucilato.

BIBLIOGRAFIA

  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, pp. 72-73

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a genitori, scritta in data 09-02-1945
Località di stesura: Verona
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 6 fasc. 12

Note al documento:
Nella trascrizione, la parola "nemmeno", alla quinta riga del primo paragrafo, è aggiunta in penna blu.

» Leggi
Lettera a Fratelli, scritta in data 09-02-1945
Località di stesura: Verona
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: trascrizione a macchina

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea, b. 6 fasc. 12


INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI