Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Luigi Rasario



PRESENTAZIONE

La foto è un primo piano di Luigi Rasario. L’archivio Insmli ne conserva una copia digitale nel Fondo Raccolta Franzinelli/Ultime lettere di condannati a morte e deportati della Resistenza 1943-1945. Nato a Sizzano il 24 ottobre 1924, fucilato a Novara il 26 aprile 1944. Partigiano della 82ª Brigata Garibaldi "Osella". Il 18 marzo 1944 si trova in frazione Cavagliasche di Valduggia (Valsesia) con altri quattro compagni (Velata, Vallazza, Carniello e Italo Scolari) quando un reparto di fascisti li circonda. Rasario, unico sopravvissuto del gruppo è catturato insieme a Elmo Scolari sopraggiunto nel frattempo con la speranza di soccorrere il fratello Italo. Entrambi vengono fucilati al poligono di tiro di Novara il 26 aprile 1944.

Autore della presentazione: Mauro Begozzi

DATI ANAGRAFICI

Età 19 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 24/10/1924
Luogo di nascita Sizzano
Provincia di nascita Novara

Data di morte: 26/4/1944
Luogo di morte: Poligono di tiro di Novara
Comune di morte: Novara
Regione di morte:Piemonte


ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Tipologia del condannato:Partigiano
Tipo di reparto: Brigata
Nome del reparto: Brigata Osella
Condizione al momento della morte: Combattente
Circostanza della morte: Strage
Descrizione della circostanza della morte: Catturato il 18 marzo 1944 in frazione Valduggia, Luigi Rasario è l’unico superstite del suo piccolo gruppo, circondato e ucciso da un reparto fascista. Dopo poco più di un mese di prigionia, il 26 aprile viene portato con altri partigiani (fra cui Elmo Scolari) al poligono di tiro di Novara e qui sommariamente giustiziato.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Il 26 aprile 1944, otto partigiani vengono portati al poligono di tiro di Novara e passati per le armi. Tra essi, Luigi Rasario ed Elmo Scolari.
Collegamenti:Strage di Poligono di Novara, comune di Novara (Novara). 26/4/1944
Visualizzazione ingrandita della mappa
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere: Elmo Scolari |

BIBLIOGRAFIA

  • Mauro Begozzi "Non preoccuparti...che muoio innocente". Lettere di resistenti novaresi condannati a morte, Novara, Interlinea Edizioni, 1995, p. 36
  • Mimmo Franzinelli (a cura di) Ultime lettere dei condannati a morte e di deportati della Resistenza. 1943-1945, Milano, Mondadori, 2005, p. 208

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a genitori, scritta in data 26-04-1944
Località di stesura: Novara
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: fotocopia cartacea

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Raccolta Franzinelli/Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza 1943-1945

Note al documento:
L'ultima riga è scritta in verticale lungo il margine destro del foglio. Elmo Scolari, il cui nome si legge in fondo alla quarta facciata, era compagno di prigionia di Rasario. L'originale del documento è consevato presso l'Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola.

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI