Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Lorenzo Alberti (Renzo)



PRESENTAZIONE

La foto ritrae Lorenzo Alberti. Di anni 17. Nato il 30 gennaio 1927 a San Bartolomeo al Mare (Imperia) ed ivi residente (in frazione Pairola). Studente. Dopo l’8 settembre il padre di Lorenzo, Giuseppe Alberti, entra a far parte del movimento di liberazione, divenendo commissario del distaccamento Igino Rainis, inquadrato nella VI Divisione d’assalto Garibaldi Liguria Silvio Bonfante. Il 19 agosto 1944 anche Lorenzo si aggrega alla medesima formazione, ricoprendo principalmente il ruolo di staffetta. Il 17 ottobre 1944 i nazifascisti mettono in atto un massiccio rastrellamento nella zona alpina ligure e piemontese, nelle vicinanze del confine con la Francia. Inviato in missione di perlustrazione con Francesco Caselli e Michele Bentivoglio, Alberti è catturato ad Upega e trasferito in territorio francese, a Saorge (nei pressi del Col di Tenda). Qui viene fucilato il 21 ottobre, assieme a Caselli, Bentivoglio e a molti altri partigiani fatti prigionieri durante il rastrellamento. Dopo la liberazione, gli è stata conferita la medaglia d’argento al valor militare alla memoria, con la seguente motivazione: "Giovane e intrepido combattente, sempre primo nelle numerose azioni di guerra condotte contro l’invasore, si distingueva per notevoli doti di coraggio e spirito di sacrificio. Volontario in una delicata missione intesa ad individuare un passaggio segreto, allo scopo di far uscire dall’accerchiamento il proprio distaccamento, pur conscio del grave pericolo per la presenza nemica, portava a termine l’impresa. Catturato e seviziato lungamente, non rivelò mai notizie che potessero compromettere i compagni di lotta. Il 21 ottobre 1944 affrontava, con calma e serenità, il plotone di esecuzione manifestando fino all’ultimo istante la sua fede antifascista. - Saorge (Francia), 21 ottobre 1944."

Autore della presentazione: Igor Pizzirusso

DATI ANAGRAFICI

Età 17 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 30/1/1927
Luogo di nascita San Bartolomeo del Cervo
Provincia di nascita Imperia
Residenza San Bartolomeo del Cervo

Data di morte: 21/10/1944
Nazione di morte: Francia
Luogo di morte: Saorge
Comune di morte: Saorge
Provincia di morte:

Titolo di studioLicenza media inferiore. 2a ginnasio
Categoria professionaleCondizioni non professionali
Professione Studente

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Nome di battaglia: Renzo
Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: 19/8/1944 - 17/10/1944
Tipo di reparto: Divisione
Nome del reparto: Divisione d’assalto Garibaldi Liguria Silvio Bonifante 6ª
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale militare tedesco
Esecuzione:Nazifascista
Circostanza della morte: Strage
Descrizione della circostanza della morte: Catturato il 17 ottobre 1944 durante una missione esplorativa nella zona di Upega, Lorenzo Alberti è trasferito oltre il confine italo-francese assieme a molti altri partigiani rastrellati durante quei giorni dell’autunno 1944. Sarà fucilato a Saorge il 21 dello stesso mese.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Nell’autunno 1944, lungo il confine tra Piemonte e Francia, i nazifascisti mettono in atto un grande rastrellamento volto a stroncare la Resistenza fra i colli e le montagne della zona. Il 17 ottobre, a Upega, molti partigiani cadono nelle mani del nemico. Fra essi, alcuni vengono trasferiti oltre il confine italo-francese, nella cittadina di Saorge (situata nei pressi del Col di Tenda). Qui vengono fucilati il giorno 21 dello stesso mese.
Riconoscimenti:militare: Medaglia d'argento assegnata in data 25/6/1990
Collegamenti:Strage di Saorge , comune di Saorge . 21/10/1944
Visualizzazione ingrandita della mappa
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere: Michele Bentivoglio | Francesco Caselli |

BIBLIOGRAFIA

  • Francesco Biga Dalle valli al mare. Diano e Cervo nella Resistenza, Farigliano, Milanostampa, 1970, pp. 151-154
  • Francesco Biga Storia della Resistenza Imperiese, Farigliano, Amministrazione provinciale di Imperia, 1978, vol. III, pp. 192 e 465
  • Mirco Bottero (a cura di) Memoria nella pietra. Monumenti alla Resistenza ligure, Genova, Istituto storico della Resistenza in Liguria, 1996, p. 330
  • Mimmo Franzinelli (a cura di) Ultime lettere dei condannati a morte e di deportati della Resistenza. 1943-1945, Milano, Mondadori, 2005, pp. 82-83
  • Carlo Rubaudo Storia della Resistenza Imperiese, Imperia, Dominici, 1992, vol. II, pp. 520-521

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a familiari,
Stato del documento: autografo

La lettera è conservata presso:
Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea - Imperia

Indirizzo web:
http://www.isrecim.it/

Collocazione archivistica:
Archivio, Sezione I, cartella 77

Note al documento:
Pur essendo senza data, è facile supporre che Lorenzo Alberti abbia composto questa lettera tra il giorno della cattura (17 ottobre 1944) e quello della fucilazione (21 ottobre 1944).

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI