Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Aldo Mei



PRESENTAZIONE

L’immagine riproduce una foto scattata ad Aldo Mei ed è tratta da Umberto A. Palagi (a cura di), Don Aldo Mei: solo per amore! sessanta anni dopo il martirio, Firenze, Consiglio regionale della Toscana, 2004. Di anni 32, sacerdote, celibe. Nato il 3 marzo 1912 a Ruota (Lucca) e residente a Fiano di Pescaglia (Lucca). Divenuto vicario foraneo del Vicariato di Monsagrati (Lucca), dopo l’8 settembre 1943 e la costituzione della RSI dette spesso asilo a renitenti alla leva fascista e a perseguitati politici. Il 2 agosto fu arrestato, nel corso di un rastrellamento tedesco, subito dopo aver celebrato la messa nella chiesa di Fiano. Rinchiuso nella Pia Casa di Lucca con altri trenta civili fermati nella medesima operazione, fu processato dal comando tedesco della città con l’accusa di aver dato rifugio a un ebreo. Riconosciuto colpevole, fu condannato a morte. Nella notte tra il 3 ed il 4 agosto 1944, una pattuglia di SS lo condusse a piedi, fuori dalle mura medicee, vicino a Porta Elisa. Fu costretto a scavarsi la fossa e fatto genuflettere sull’orlo per essere ucciso con un colpo di pistola. Gli fu riconosciuta la Medaglia d’Argento al Valor Militare alla memoria.

Autore della presentazione: Enrica Cavina

DATI ANAGRAFICI

Età 32 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 3/3/1912
Luogo di nascita Ruota
Provincia di nascita Lucca
Residenza Fiano di Pescaglia

Data di morte: 4/8/1944
Luogo di morte: Presso le mura di Lucca, vicino a Porta Elisa
Comune di morte: Lucca
Regione di morte:Toscana

Categoria professionaleCulto, professioni e arti liberali
Professione Parroco Presso la parrocchia di Fiano

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Tipo di reparto: Formazione
Nome del reparto: Formazione partigiana operante vicino a Fiano
Grado conseguito: Cappellano
Condizione al momento della morte: Civile
Agente della condanna: Decisione di un comando militare
Esecuzione:Nazista
Tipo di esecuzione: Nazista
Circostanza della morte: Eccidio
Descrizione della circostanza della morte: Arrestato dai tedeschi il 2 agosto 1944 fu condotto nel carcere di Lucca insieme ad altri trenta rastrellati. Interrogato fu processato per aver dato rifugio ad un ebreo e condannato alla pena capitale.
Causa della morte: Colpo di pistola
Modalità dell'esecuzione Processato per aver dato asilo a un ebreo, fu condannato alla pena di morte. Il 4 agosto, alle ore 22, fu fucilato da un plotone tedesco nei pressi della Porta Elisa di Lucca.
Riconoscimenti:militare: Medaglia d'argento

BIBLIOGRAFIA

  • Le radici e le ali: 1943/45-1993/95: memoria e storia nelle celebrazioni del cinquantennale della Resistenza e della Guerra di liberazione, Roma, 1996, p. 457
  • Amministrazione provinciale di Pisa Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana europea, Pisa, Provincia di Pisa,, p. 24.
  • Comitato femminile antifascista Donne e Resistenza in Toscana, Firenze, Tipografia Giuntina, 1978, p. 217.
  • Comitato pro villaggio del fanciullo (a cura di) Sac. Aldo Mei martire della carità (opuscolo)
  • Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003
  • Aldo Mei - A cura di mons. Pietro Poli Testimone sempre: pensieri e appunti spirituali (1942-1943), Lucca, M. Pacini Fazzi, 1987
  • Umberto A. Palagi (a cura di) Don Aldo Mei: solo per amore! Sessanta anni dopo il martirio
  • COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

    » Leggi
    Lettera a famigliari, scritta in data 04-08-1944
    Località di stesura: Lucca
    Stato del documento: copia

    La lettera è conservata presso:
    Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

    Indirizzo web:
    http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

    Collocazione archivistica:
    Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea

    Note al documento:
    Trattasi del primo dei quattro messaggi lasciati da Aldo Mei. A pag. 196 del volume "Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945" (curato da Piero Malvezzi e Giovanni Pirelli, Torino, Einaudi, 2003) una nota precede il testo: "A matita sulle pagine bianche del breviario". Una frase simile ("a lapis, sulle pagine bianche della copertina del Breviario") precede anche questa trascrizione.

    » Leggi
    Lettera a genitori, scritta in data 04-08-1944
    Località di stesura: Lucca
    Stato del documento: copia



    Collocazione bibliografica:
    Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di), Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, pp. 199-201.


    » Leggi
    Lettera a Adolfo, scritta in data 04-08-1944
    Località di stesura: Lucca
    Stato del documento: copia

    La lettera è conservata presso:
    Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

    Indirizzo web:
    http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

    Collocazione archivistica:
    Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea

    Note al documento:
    A differenza del resto della trascrizione, la data è annotata a mano, in penna nera.

    » Leggi
    Lettera a Agnese Perfetti e altri, scritta in data 04-08-1944
    Località di stesura: Lucca
    Stato del documento: copia

    La lettera è conservata presso:
    Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

    Indirizzo web:
    http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

    Collocazione archivistica:
    Fondo Malvezzi Piero Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana e europea


    INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI