Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Zosimo Marinelli



PRESENTAZIONE

Di anni 49, ingegnere, coniugato con quattro figli. Nato il 23 aprile 1894 a Zocca (Modena) e residente nella frazione di Montombraro. Partecipò alla Prima Guerra Mondiale operando nel Comando Supremo e al suo termine si laureò in Ingegneria presso l’Università di Bologna. Di noti sentimenti antifascisti si impegnò nell’Azione cattolica. Dopo l’8 settembre 1943 si collegò con il comitato clandestino di Bologna e la formazione partigiana del Partito d’azione operativa nell’area modenese di Zocca. Già nel novembre successivo fu preso di mira dai fascisti del posto. Il 27 ci fu una retata a casa sua durante la quale i fascisti ebbero la peggio. Fu infatti catturato il sottotenente della GNR, Vincenzo Minelli, che fu fucilato dai partigiani la notte stessa. Il giorno successivo i fascisti di Modena organizzarono una spedizione punitiva nel corso della quale arrestarono la famiglia di Marinelli e quindici abitanti di Montombraro. Zosimo riuscì a fuggire. Rimase nascosto per un mese, finché non decise di consegnarsi ai carabinieri di Zocca. Rinchiuso nelle carceri di Bologna, quando il 26 gennaio 1944 fu ucciso il segretario federale Eugenio Facchini, Zosimo fu selezionato, insieme ad altri nove prigionieri politici, per l’esecuzione della rappresaglia. Fu fucilato il giorno dopo al poligono di tiro di Borgo Panigale insieme ad Alessandro Bianconcini, Alfredo e Romeo Bartolini, Silvio Bonfigli, Cesare Budini, Ezio Cesarini e Francesco D’Agostino mentre Sante Contoli e Luigi Missoni, furono graziati.

Autore della presentazione: Enrica Cavina

DATI ANAGRAFICI

Età 49 anni
Genere Maschio
Stato civileConiugato
Data di nascita 23/4/1894
Luogo di nascita Zocca
Provincia di nascita Modena
Residenza Montombraro, frazione di Zocca

Data di morte: 27/1/1944
Luogo di morte: Poligono di tiro di Borgo Panigale
Comune di morte: Bologna
Regione di morte:Emilia Romagna

Titolo di studioLaurea. Si Laureò in Ingegneria presso l'Università di Bologna
Categoria professionaleCulto, professioni e arti liberali
Professione Ingegnere

Appartenenza politicaDemocristiano

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Tipologia del condannato:Partigiano
Prima formazione nella Resistenza: 8/8/1943 - 27/01/1944
Tipo di reparto: Brigata
Nome del reparto: Brigata Matteotti, della Div. Modena Montagna
Condizione al momento della morte: Combattente
Agente della condanna: Sentenza di un tribunale. Tribunale speciale di Bologna - Sentenza emessa in data 26/01/1945.
Esecuzione:Fascista
Circostanza della morte: Strage
Descrizione della circostanza della morte: Arrestato il 27 dicembre 1943 a Zocca di Modena per l'attività politica svolta nel breve periodo badogliano, fu associato alle carceri di S. Giovanni in Monte di Bologna. In seguito all'uccisione del federale fascista di capoluogo, Eugenio Facchini, fu selezionato insieme ad altri 9 detenuti politici per la rappresaglia.
Causa della morte: Fucilazione
Modalità dell'esecuzione Il 26 gennaio 1944, come rappresaglia contro l’uccisione del segretario federale Eugenio Facchini, furono condannati a morte dieci prigionieri politici: Alessandro Bianconcini, Alfredo e Romeo Bartolini, Silvio Bonfigli, Cesare Budini, Ezio Cesarini, Sante Contoli, Francesco D’Agostino, Zosimo Marinelli e Luigi Missoni. Mentre Contoli e Missoni furono graziati, gli altri otto uomini furono fucilati al poligono di tiro di Borgo Panigale (Bologna) il 27 gennaio 1944. Il plotone d’esecuzione fu comandato dal commissario del fascio di Imola Guerrino Bettini che aveva richiesto al segretario della federazione fascista di Bologna l’«onore» di ordinare il fuoco.
Collegamenti:Strage di Poligono di tiro di Borgo Panigale, comune di Bologna (Bologna). 27/1/1944
Visualizzazione ingrandita della mappa
Condannati dello stesso gruppo di cui esistono lettere: Alessandro Bianconcini | Ezio Cesarini |

BIBLIOGRAFIA

  • Alessandro Albertazzi - Luigi Arbizzani - Nazario Sauro Onofri Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945). Dizionario biografico. Volume IV, Bologna, Istituto per la storia di Bologna, 1995, p. 80.
  • Rolando Balugani La RSI a Modena, Modena, Istituto Storico della Resistenza, 1995, pp. 23-27
  • Mario Marinelli Zosimo Marinelli e gli inizi della Resistenza a Montombraro in "Rassegna annuale dell'Istituto Storico della Resistenza di Modena" 6, Modena, 1966
  • Sara Prati - Giorgio Rinaldi "Quando eravamo ribelli...". La valle del Panaro nella Resistenza, Modena, ANPI, 1978, pp. 61-62 e 67-68
  • Ilva Vaccari Dalla parte della libertà. I caduti modenesi nel periodo della Resistenza entro e fuori i confini della provincia. Forestieri e stranieri caduti in territorio modenese, s.l., Coop Estense, 1999, p. 309.

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a Moglie, scritta in data 27-01-1944
Località di stesura: Carceri di Bologna
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: foto da originale

La lettera è conservata presso:
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano

Indirizzo web:
http://www.italia-liberazione.it/parri-milano

Collocazione archivistica:
Fondo Raccolta Franzinelli/Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza 1943-1945

Collocazione bibliografica:
Mimmo Franzinelli (a cura di), Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della resistenza 1943-1945, Milano, Mondadori, 2005, p. 171.


INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI