Seleziona una lettera dell’alfabeto: A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z

Jacopo Lombardini



PRESENTAZIONE

L’immagine riproduce una foto a figura intera di Jacopo Lombardini. Di anni 52, maestro elementare e predicatore evangelico, celibe. Nato il 13 dicembre 1892 a Gragnana (Massa Carrara). Cresciuto in una famiglia di ideali mazziniani, nel 1915 si iscrisse al partito repubblicano. Combatté come volontario durante la Prima guerra mondiale e al suo rientro iniziò a collaborare al periodico "La sveglia repubblicana". Stabiliti contatti anche con gli ambienti anarchici, nel biennio 1921-22 fu spesso vittima di aggressioni da parte di squadristi. Durante il fascismo gli fu impedito di svolgere la professione di insegnante a causa delle sue posizioni politiche. Ciò lo indusse a trasferirsi a Torino dove si mantenne con lezioni private. Convertitosi al protestantesimo, fu assunto come istitutore nel Collegio Valdese di Torre Pellice. Nel 1943 aderì al Partito d’azione e dopo l’8 settembre salì in montagna dove svolse gli incarichi di commissario politico e di predicatore evangelico delle formazioni "Giustizia e Libertà" della V Divisione Alpina. Il 24 marzo 1944 fu catturato insieme ad altri partigiani in seguito ad un rastrellamento compiuto da SS italiane e tedesche. Condotto nella caserma di Bobbio, fu sottoposto a tortura. Il 31 marzo fu imprigionato nelle Carceri Nuove di Torino dove vi rimase fino all’inizio di maggio quando fu trasferito al campo di Fossoli. A metà luglio fu inviato al campo di Bolzano e, il 2 agosto, fu deportato a Mauthausen. Dopo vari mesi di lavoro forzato, fu ricoverato nell’infermeria del campo di Melk. Il 24 aprile 1945 fu selezionato per l’eliminazione tramite camera a gas. Fu ucciso il giorno successivo. Nel dopoguerra gli fu riconosciuta la Medaglia d’Argento al Valor militare alla memoria con la seguente motivazione: "Uomo di cultura e patriota di sicura fede fu, subito dopo l’armistizio, animatore infaticabile della lotta di liberazione in Val Pellice e in Val Germanasca, conosciuto ed amato dai giovani che andava ammaestrando nella fede alla Libertà ed alla Patria. Caduto in mani tedesche nel corso di un duro rastrellamento e crudelmente seviziato, manteneva contegno elevato ed esemplare affrontando sempre con cristiana serenità il duro calvario dei campi di concentramento. Barbaramente suppliziato chiudeva l’esistenza nel servizio dei più nobili ideali". Nel 2006 la Città di Cinisello Balsamo ha conferito "La spiga d’oro" al centro culturale che porta il suo nome. Il testamento spirituale qui pubblicato è stato scritto e indirizzato da Jacopo alla sorella il 15 novembre 1943.

Autore della presentazione: Enrica Cavina

DATI ANAGRAFICI

Età 52 anni
Genere Maschio
Stato civileCelibe
Data di nascita 13/12/1892
Luogo di nascita Gragnana
Provincia di nascita Massa-Carrara
Residenza Torino

Data di morte: 25/4/1945
Nazione di morte: Austria
Luogo di morte: Lager di Mauthausen

Titolo di studioLicenza media superiore
Categoria professionaleCulto, professioni e arti liberali
Professione Maestro elementare e predicatore evangelico

Appartenenza politicaRepubblicano

ATTIVITÁ NELLA RESISTENZA

Tipologia del condannato:Partigiano e deportato
Prima formazione nella Resistenza: ottobre 1943 - 31/3/1944
Tipo di reparto: Divisione
Nome del reparto: Divisione Alpina GL Sergio Toja 5ª
Grado conseguito: Commissario politico e predicatore evangelico
Luogo della deportazione: Lager di Mauthausen
Condizione al momento della morte: Deportato
Descrizione della circostanza della morte: Catturato il 24 marzo 1944 durante un rastrellamento in Val Germanasca, fu imprigionato nelle Carceri Nuove di Torino il 31 marzo 1944. Dopo un mese fu internato a Fossoli e a metà luglio trasferito a Bolzano. Il 2 agosto fu deportato a Mauthausen. Il 24 aprile 1945 fu selezionato per la camera a gas e il giorno dopo fu ucciso.
Riconoscimenti:militare: Medaglia d'argento

BIBLIOGRAFIA

  • Mario Avagliano - Marco Palmieri Voci dai lager. Diari e lettere di deportati politici italiani 1943-1945, Torino, Einaudi, 2012, p. 211
  • Bianca Ceva 5 anni di storia italiana 1940-1945, Milano, Edizioni di Comunità, 1964, pp. 242 ss.
  • Mimmo Franzinelli (a cura di) Ultime lettere dei condannati a morte e di deportati della Resistenza. 1943-1945, Milano, Mondadori, 2005, pp. 334-335.
  • Salvatore Mastrogiovanni Un protestante nella Resistenza: Jacopo Lombardini, Torino, Claudiana, 1985

COLLOCAZIONE ARCHIVISTICA

» Leggi
Lettera a sorella, scritta in data 15-11-1943
Stato del documento: copia


Tipo di copia della lettera: copia a stampa



Collocazione bibliografica:
Mimmo Franzinelli, Ultime lettere dei condannati a morte e di deportati della Resistenza. 1943-1945, Milano, Mondadori, 2005, p. 335

Note al documento:
La lettera qui riportata è il testamento morale di Jacopo Lombardini scritto alla sorella Maria quando ancora operava con le formazioni partigiane sui monti d'Agrogna. L'originale dovrebbe essere conservato presso lo Studio notarile Leopoldo Bertolé di Torino.

INFORMAZIONI REPERIBILI IN ALTRE BANCHE DATI

Nessuna informazione reperibile in altre banche dati. Segnala eventuali ulteriori informazioni